Sulmona, PD: “Grave situazione Villa comunale, Giunta agisca”

Sulmona, PD: “Grave situazione Villa comunale, Giunta agisca”

In una nota il circolo Pd di Sulmona: “Avremmo preferito non intervenire, ancora una volta e come abbiamo sempre fatto sino ad oggi, su un ennesimo errore burocratico a Palazzo San Francesco. Dopo la sostituzione non autorizzata dei lampioni dell’Annunziata solo per citarne l’ultimo, questa volta a farne le spese è il giardino pubblico per eccellenza della nostra Città: la Villa Comunale. E’ sotto gli occhi di tutti la condizione di degrado in cui versa la Villa Comunale, una volta prestigio e orgoglio della nostra città, il nostro biglietto da visita. Il patrimonio arboreo, da troppo tempo abbandonato rischia, se non si interviene tempestivamente, un deterioramento irrecuperabile. Le siepi sono ridotte a ciuffi di steli secchi, il manto erboso inaridito e in alcune parti completamente inesistente, gli alberi necessitano di potatura e dove necessario anche di taglio e ripiantumazione. Per non parlare dell’assoluta mancanza di vigilanza, soprattutto notturna, che ne ha fatto diventare luogo prediletto dai tossicodipendenti. Entro quest’anno i lavori di ristrutturazione del giardino comunale si sarebbero dovuti concludere grazie alla compartecipazione di Regione, Comune e Fondazione Carispaq ma purtroppo, come è noto, nel partecipare al Bando Regionale, gli uffici comunali hanno presentato il progetto definitivo e non il progetto esecutivo e così il finanziamento è sfumato. Per alcuni si tratta di una ‘svista’, per noi è un errore amministrativo, l’ennesimo, e ci sono precise responsabilità. I bilanci dei Comuni sono scarsi e per questo reperire fondi dalla Regione, dal Governo e dall’Europa partecipando ai bandi, deve essere l’attività più importante per gli amministratori, che devono essere formati costantemente.  Ciò posto nulla toglie alla culpa in vigilando della classe politica. Ancora una volta ci spiace constatare di trovarci di fronte ad un’amministrazione che veleggia nell’ignoto, che non sa e non vigila sull’operato dei dirigenti e dei tecnici preposti. I primi responsabili, gli pseudo amministratori, continuano a rimanere sulle loro poltrone dimostrando di non avere un minimo di dignità e di responsabilità per l’Istituzione, che come rappresentanti, dovrebbero onorare con il loro lavoro, onestà e risultati. Responsabilità che dovrebbe portarli alle dimissioni per i continui fallimenti a danno della comunità.

Ma una forza di opposizione leale deve anche fare proposte, perché l’interesse di tutti e quindi anche di chi scrive è il bene della Città. Allora chiediamo a questa Giunta di utilizzare i 75.000 €  della Carispaq e i 25.000 € stanziati dal Comune (ricordiamo che la ristrutturazione della Villa era nel piano triennale delle opere pubbliche) siano utilizzati per una manutenzione straordinaria che si limiti al patrimonio arboreo ad opera di una ditta altamente qualificata.
L’investimento nella manutenzione delle aree verdi è fondamentale per l’immagine della nostra città e a tutela dalla salute dei cittadini”.
Previous Blasioli: "La Regione e la Provincia di Pescara sistemino la strada che porta all'abbazia di San Liberatore a Maiella"
Next D'Alessandro attacca: "Regione ferma"

You might also like

Archivio 0 Comments

L’agenda elettorale del candidato Pd al Senato Renzo Di Sabatino – Gli appuntamenti di giovedì 14 febbraio

L’agenda elettorale del candidato Pd al Senato Renzo Di Sabatino Gli appuntamenti di giovedì 14 febbraio Il candidato del Partito Democratico al Senato della Repubblica, Renzo Di Sabatino, domani giovedì 14

Archivio

Maurizio Martina il 5 novembre all’Aquila: si apre la campagna di ascolto dei circoli del PD Abruzzo

Martedì 5 novembre alle 21 all’Aquila, alla Sala dell’Hotel Castello in piazza Battaglione degli Alpini, Maurizio Martina, deputato, già ministro e segretario nazionale del Partito Democratico, aprirà la campagna di

Archivio

TSA: PEZZOPANE LANCIA APPELLO A D’ALFONSO PER SOLUZIONE POSITIVA

“La notizia che il Ministero ha attribuito oltre 1.400.000 euro all’ISA era nota da tempo. Così come è noto che il Ministero, da tempo, ha previsto per il TSA la