Sabato 10 maggio l'On. Ermete Realacci, Presidente della Commissione Ambiente della Camera, in Abruzzo

Sabato 10 maggio l’On. Ermete Realacci in Abruzzo

l'abruzzo regione verde d'europa A3

Piccoli comuni, Realacci: “Al via alla Camera esame legge di cui sono primo firmatario” 

“Buone notizie per i circa 5.700 comuni italiani con popolazione fino a 5 mila abitanti: è iniziato oggi in seduta congiunta tra le Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici e Bilancio della Camera dei Deputati l’esame del disegno di legge sui Piccoli comuni di cui sono primo firmatario, sottoscritto da oltre 70 parlamentari di vari gruppi,  a partire dal collega Borghi, che ne è anche relatore per la Commissione Ambiente insieme a Misiani per la Commissione Bilancio. La legge nasce per difendere le identità custodite dai nostri centri minori, ma non necessariamente le entità amministrative che li rappresentano. Non è dunque contraria a priori alle unioni se queste garantiscono servizi di qualità per i cittadini e razionalizzazione dei costi per i contribuenti. E soprattutto nasce da un’idea di sviluppo e di futuro che coniuga cultura e saperi tradizioni con l’innovazione e la diffusione delle tecnologie della comunicazione. Dall’idea che si possa essere competitivi nel modo anche da un piccolo centro montano se c’è la banda larga”, lo afferma Ermete Realacci, Presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, commentando l’avvio dell’esame della legge sui piccoli comuni di cui è primo firmatario.

“Fra le misure previste dal disegno di legge che propone Misure per il sostegno e la valorizzazione dei comuni con popolazione pari o inferiore a 5.000 abitanti e dei territori montani e rurali – prosegue Realacci -l’introduzione di agevolazioni sull’affitto nei nostri centri minori, la promozione della cablatura e della banda larga, garantire la presenza e la qualità di  servizi indispensabili come sanità,  trasporti, istruzione, servizi postali, il recupero dei centri storici e la tutela del patrimonio ambientale. I comuni potranno poi promuovere i prodotti tipici locali e indicare anche nella cartellonistica stradale le produzioni tipiche. Prevista anche la riforma del sistema di governo di queste aree e per l’introduzione di sistemi di remunerazione dei servizi ambientali. Il sottosegretario all’Economia, Legnini, intervenendo nel corso della seduta ha inoltre proposto di incrociare l’esame della legge sui Piccoli Comuni anche con il dibattito sull’allentamento dei vincoli del Patto di Stabilità interno. Sarebbe bello poter festeggiare la giornata del Voler Bene all’Italia, la Festa Nazionale dei Piccoli Comuni promossa da Legambiente e che tornerà la prima domenica di giugno in centinaia di borghi per tutto il Paese, con il via libera della Camera alla legge”.

In allegato:
Proposta di Legge Realacci sui Piccoli Comuni
Piccoli Comuni Dati per regione

LA LEGGE SUI PICCOLI COMUNI IN PILLOLE

  • Per piccoli comuni si intendono i comuni con popolazione pari o inferiore a 5000 abitanti che rientrano in tipologie definite per legge; la lista di piccoli comuni viene aggiornata ogni tre anni;
  • In accordo con il Ministero dell’Economia e delle Finanze il pagamento delle tasse e delle bollette può essere effettuato tramite la rete telematica nei tabaccai e nei luoghi convenzionati;
  • Si prevede la possibilità di stipulare convenzioni per la salvaguardia e il recupero dei beni culturali con gli enti ecclesiastici e con le confessioni religiose riconosciute;
  • Vengono facilitate le procedure di cessione di stazioni ferroviarie disabilitate, case cantoniere, caserme dismesse ed edifici del corpo forestale dello Stato, anche nella forma del comodato d’uso, in favore di organizzazioni di volontariato, per la promozione di prodotti tipici o altre attività comunali;
  • I progetti per l’informatizzazione dei piccoli comuni, con priorità per quelli relativi a forme associate, hanno la precedenza nell’accesso ai finanziamenti pubblici previsti dalla legge per la realizzazione dei programmi di e-government. Rientrano tra gli interventi prioritari i collegamenti informatici dei centri servizi multifunzionali, gli interventi per dotare i centri stessi di adeguate tecnologie dell’informazione e della comunicazione e di sistemi di telecomunicazione a banda larga e senza fili;
  • Lo Stato e gli enti locali e territoriali assicurano l’efficienza e la qualità dei servizi con particolare riferimento alla sanità, ai trasporti, all’istruzione, ai servizi socio-assistenziali, a quelli postali, all’ambiente a alla protezione civile;
  • Il Presidente del Consiglio, di concerto con i Ministri della salute e dell’economia e delle finanze, predispone un Piano per i servizi sanitari nelle aree montane e rurali con particolare riguardo all’introduzione di metodi e strumenti innovativi, capaci di compensare la rarefazione dei presidi ospedalieri nei suddetti territori;
  • Viene favorita la promozione e la messa in commercio dei prodotti agroalimentari tradizionali e, in particolare, dei prodotti tipici e la stipulazione di contratti di collaborazione con le imprese artigiane di produzione agroalimentare. I comuni potranno anche indicare nella cartellonistica ufficiale “territorio di produzione del…”;
  • Le Regioni, o gli enti locali d’intesa con le regioni interessate, possono stipulare convenzioni con gli uffici scolastici regionali per evitare la chiusura o l’accorpamento delle scuole dei piccoli comuni;
  • Il MIUR istituisce assegni e borse di studio per laureandi e specializzandi che si impegnino a esercitare la professione, per almeno 5 anni, nelle strutture sanitarie di zone rurali e montane;
  • È prevista una dotazione di 40 milioni di euro per l’anno 2013, idem dicasi per il 2014, per gli interventi diretti a tutelare l’ambiente e i beni culturali, a mettere in sicurezza le infrastrutture stradali e gli istituti scolastici e a promuovere lo sviluppo economico e sociale nei piccoli comuni e all’incentivazione dell’insediamento di nuove attività produttive;
  • Per incentivare la residenza nei piccoli comuni è istituito un fondo annuo di 10 milioni di euro per gli anni 2013/2014 da destinare a: contributi sui tributi per acquisto o possesso di immobili destinati ad abitazione principale o attività economiche, incentivi per i residenti che intendano recuperare o acquistare patrimonio abitativo in stato di degrado o inutilizzato, promozione di attività educative per la prima infanzia, agevolazioni a favore di manifestazioni ed eventi artistici culturali dello spettacolo;
  • E’ predisposto un Piano nazionale per la riqualificazione delle aree rurali al quale collaborano le diverse istituzioni competenti a tutti i livelli e i cui interventi vengono selezionati in base a criteri quali: l’immediata realizzabilità degli interventi, il miglioramento del tessuto sociale e ambientale atteso, o la valorizzazione delòle filiere della green economy locale;
  • Le risorse già previste per il Fondo Nazionale della Montagna confluiscono tutte nel Fondo Nazionale per gli interventi nelle aree montane istituito presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze. Il Fondo è alimentato da trasferimenti europei, dello Stato e di enti pubblici di rilevanza nazionale;
  • Viene prevista la gestione del demanio idrico da parte dei Comuni competenti per territorio, in forma obbligatoriamente associata secondo le prescrizioni legislative della Regione o Provincia autonoma di competenza. I proventi ricavati dalla utilizzazione del demanio idrico sono destinati al finanziamento di interventi atti alla tutela delle risorse idriche e dell’assetto idraulico e idrogeologico, sulla base delle linee programmatiche di bacino;
  • Viene istituito il Registro Nazionale dei serbatoi di carbonio agroforestali, al fine della certificazione e del riconoscimento del ruolo delle attività di gestione forestale, di gestione dei suoli agricoli e di rivegetazione per il raggiungimento degli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto in materia di riduzione delle emissioni dei gas ad effetto serra;
  • Il Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze e il Ministero per le Politiche Agricoli e Forestali definiscono, di intesa con la Conferenza Unificata, un piano annuale di progetti pilota per interventi di miglioramento della gestione forestale, afflorestazione e riforestazione.
  • Il governo è delegato ad adottare uno o più decreti legislativi per realizzare la riforma del sistema normativo di governo delle aree montane e rurali. In particolare, i decreti legislativi dovranno riordinare la governance di tali aree partendo dalle previsioni normative sull’obbligo delle gestioni associate delle funzioni fondamentali dei piccoli Comuni e sull’individuazione in tale contesto delle Unioni dei Comuni e delle Unioni dei Comuni Montani come soggetti per la realizzazione dell’uniformitá del modello associativo per l’esercizio delle funzioni fondamentali su tutto il territorio nazionale. Spettano alle Unioni dei Comuni Montani di cui all’art. 19 della legge 135/2012 tutte le funzioni di sviluppo, tutela, valorizzazione e promozione delle aree montane in applicazione dell’articolo 44, secondo comma, della Costituzione.
  • Il governo è delegato ad adottare uno o più decreti legislativi volti a regolamentare l’introduzione nella legislazione italiana del concetto di Payment for Environmental Services-Pagamento per il Servizi Ecosistemici ed Ambientali (PSEA), intesi come remunerazione ai territori originanti della materia prima di una quota di valore aggiunto derivante dalla trasformazione dei beni e servizi pubblici di un bene comune in nuovi prodotti di mercato.

PICCOLI COMUNI IN NUMERI

  • In Italia i piccoli comuni sono 5.698, dei quali 3.158 sono montani

  • Rappresentano il 70,4% degli 8.092 comuni italiani.

  • Vi vivono oltre 10 milioni di cittadini, pari al 17,3% della popolazione italiana

  • Nel 94% dei piccoli comuni si trovano prodotti tipici certificati. Qui vengono prodotti il 93% delle DOP e degli IGP accanto al 79% dei vini più pregiati

  • In queste realtà sono attive quasi un milione di imprese (dato riferito al 2010)

  • Nei Piccoli Comuni sono presenti circa il 16% dei musei, monumenti ed aree archeologiche di proprietà statale

  • Ben 10.279 parrocchie italiane (il 39,6% del totale) si trova nei comuni con popolazione inferiore ai 5000 abitanti

Cronistoria della proposta di legge

Vale la pena ricordare, in una breve cronistoria, l’iter della legge sui piccoli comuni. Il 3 luglio 2001, Ermete Realacci presenta come primo firmatario il disegno di legge “Misure per il sostegno delle attività economiche, agricole, commerciali e artigianali e per la valorizzazione del patrimonio naturale e storico-culturale dei comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti”. Il ddl viene sottoscritto da un centinaio di parlamentari di maggioranza e opposizione. Il 21 gennaio 2003, la legge sui piccoli comuni, che nell’iter dei lavori parlamentari è diventato il ddl 1942 Realacci-Bocchino, viene approvato all’unanimità dalla Camera dei Deputati. Il solo voto contrario è di un deputato che successivamente ammise di aver commesso un errore durante la votazione. La legge passa al Senato. Il 27 aprile 2006 si conclude la XIV legislatura, e la legge sui piccoli comuni resta impantanata, senza essere approvata al Senato. Il 28 aprile 2007 Ermete Realacci, presenta la prima legge di iniziativa parlamentare della nuova legislatura. E’ il ddl sui piccoli comuni “Misure per il sostegno e la valorizzazione dei comuni con popolazione pari o inferiore a 5.000 abitanti nonché dei comuni compresi nelle aree protette.”Anche in questa legislatura il disegno di legge viene sottoscritto da oltre 150 parlamentari di maggioranza e opposizione. L’8 novembre 2006, per la prima volta nella storia di Montecitorio, oltre 350 sindaci dei piccoli comuni d’Italia, in un’iniziativa a loro dedicata, incontrano il Presidente della Camera Fausto Bertinotti. Il 18 aprile 2007, la legge sui piccoli comuni, viene approvata all’unanimità, dall’aula di Montecitorio e trasmessa al Senato. La chiusura anticipata della XV legislatura, ferma ancora una volta l’iter della legge. Il 29 aprile 2008, in apertura di nuova legislatura, Realacci presenta nuovamente come primo firmatario il disegno di legge sui piccoli comuni, che ha come co-firmatario il deputato del PDL Maurizio Lupi. Anche in questa legislatura la proposta di legge viene sottoscritta da oltre 100 parlamentari, viene approvato alla Camera il 5 aprile 2011 con il voto favorevole di tutti i gruppi politici e trasmessa al Senato. Con la fine della XVI legislatura viene nuovamente fermato l’iter parlamentare delle legge sui piccoli comuni. Così, all’avvio della nuova legislatura Realacci deposita ancora una volta la proposta di legge «Misure per il sostegno e la valorizzazione dei comuni con popolazione pari o inferiore a 5.000 abitanti e dei territori montani e rurali nonché deleghe al Governo per la riforma del sistema di governo delle medesime aree e per l’introduzione di sistemi di remunerazione dei servizi ambientali» (AC 65). Secondo firmatorio della proposta, che è aperta a tutte le forze parlamentari e che ha già raccolto il sostegno di decine di deputati, è l’On. Borghi.  

Previous Festa dell'Europa. Venerdì a Pescara conferenza stampa con Roberta Capone
Next Venerdì 9 maggio: Docufilm su Moro a Pianella organizzato dal dipartimento Cultura Pd Abruzzo e dal circolo di Pianella

You might also like

Stampa 0 Comments

Comunicato stampa di Manola Di Pasquale

Manola Di Pasquale, Presidente dell’Assemblea Regionale Pd Abruzzo, commenta il convegno dei sindacati CGIL, CISL e UIL tenutosi a Teramo: COMUNICATO INIZIATIVA SINDACATI  

Il Blog dei Democratici Abruzzesi 0 Comments

CONVOCAZIONE CONFERENZA STAMPA PD PROVINCIA DI TERAMO.

E’ convocata per mercoledà’¬, 24 novembre 2010 alle ore 11.30 presso la sede del Partito Democratico in C.so De Michetti a Teramo, una conferenza stampa in tema di Sanità’  nella

Stampa 0 Comments

Fondazione Sviluppo sostenibile: Presentazione del rapporto Stiglitz

Riportiamo il documento della  Presentazione del rapporto Stiglitz, a cura del Comitato Scientifico della Fondazione Sviluppo sostenibile.  Scarica e/o leggi il documento in formato Pdf: Rapporto_Stiglitz_271009

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.