Rapino e D’Alessandro su richiesta azzeramento giunta regionale

Rapino e D’Alessandro su richiesta azzeramento giunta regionale

Il segretario regionale Pd Abruzzo Marco Rapino e Camillo D’Alessandro, coordinatore della maggioranza di centrosinistra in consiglio regionale, intervengono circa la richiesta di azzeramento della giunta avanzata da Donato Di Matteo e Andrea Gerosolimo.

La richiesta di azzeramento della giunta è irricevibile, sia sul piano istituzionale che sul piano politico – dichiara Rapino -. La discussione interna alla maggioranza è necessaria e nelle prossime ore incontreremo i nostri alleati. Se il passaggio di rimettere il mandato è un passo per discutere il rilancio dell’azione di governo siamo disponibili ad un confronto vero. Il PD ritiene che, prima della politica, prevalga il dovere di governare rispettando il mandato dei nostri elettori”.

Trovo singolare la richiesta di azzeramento della giunta – dichiara D’Alessandro -. Mi chiedo cosa c’entra la giunta e il lavoro che c’è da fare con posizioni che hanno il sapore del mettere le mani avanti, come se il consenso o il dissenso nei confronti dell’esecutivo regionale non li riguardasse direttamente, non riguardasse due componenti della giunta. Al di là della singolarità, è straordinario il tempismo. Invito i due assessori ad essere all’altezza dei momenti che in politica si vivono, quando si vince, ma soprattutto quando ci sono le difficoltà. Che, in ogni caso, riguardano tutti, compresi loro”.

Previous La segreteria regionale tutta rimette il suo mandato alla comunità del PD
Next La storia siamo voi

You might also like

News dal PD Abruzzo
News dal PD Abruzzo

Oggi pomeriggio, a Pescara, incontro con Ettore Rosato, capogruppo Pd alla Camera

Oggi pomeriggio, alle 17, il capogruppo del Partito Democratico alla Camera dei deputati Ettore Rosato parteciperà ad un incontro organizzato da Antonio Caroselli,  segretario del circolo Pd di Porta Nuova – Giuseppe di

News dal PD Abruzzo

Nereto, Rapino: Dal PD coerenza e determinazione nel combattere ogni ideologia che si richiami all’odio razziale

“Nessuna ambiguità può esserci da parte delle nostre amministrazioni comunali nei confronti di associazioni e movimenti di ispirazione neofascista tantomeno per iniziative da loro promosse dato che i loro valori