Panchine Rosse contro le violenze sulle donne e i femminicidi. Le iniziative delle Democratiche della provincia dell’Aquila

Panchine Rosse contro le violenze sulle donne e i femminicidi. Le iniziative delle Democratiche della provincia dell’Aquila

” Novembre. Il mese delle panchine rosse “
Campagna delle Democratiche della provincia dell’Aquila.
Sabato, 3 novembre
– alle ore 10:00, a Paganica, villa comunale
– alle ore 12:00, a Arischia, piazza duomo

Due panchine rosse alle quali verranno apposte altrettante piccole targhe contenenti il numero 1522, numero nazionale – help line violenza e stalking – : quindi non solo un segnale visibile di denuncia sociale, ma anche un elemento utile alle donne in difficoltà.
Grazie all’impegno di Alì Salem, Stefano Innocenzi, Fernanda Tramontelli, Loreto Colageo, Debora Sepetti e di tutte le persone di buona volontà.
Istituzioni, donne e uomini, insieme, contro le violenze sulle donne, contro i femminicidi. Per la cultura del rispetto. Per la civiltà.
Cittadine e cittadini sono invitate/i a partecipare.
A Paganica, in caso di pioggia, la cerimonia si svolgerà all’interno del Centro Civico.

Previous Pezzopane: Interrogazione urgente a Toninelli su trasferimento stazione bus da Tiburtina a Anagnina.
Next Di Sabatino su proiettile e minacce recapitati alla prefettura di Chieti 

You might also like

Agenda

Cinema: al via lunedì 11 aprile primo Filmfestival lgbt dell’Aquila

Alle 1630 dibattito con Cirinnà e Pezzopane Aprirà lunedì 11 aprile la prima edizione del FILMFESTIVAL L’Aquila LGBT, che si volgerà all’Auditorium del Parco del capoluogo abruzzese fino al 16 aprile.

Top News

Lavoro, Pezzopane:"Bene occupazione in Abruzzo, continuiamo cosi"

“I dati dell’Istat sull’occupazione in Abruzzo, che regis trano 28 mila posti in più a giugno 2016 rispetto all’anno precedente, con un calo della disoccupazione di 2,1 punti percentuali, è

Top News

SANITA’: PAOLUCCI, INFORTUNI SUL LAVORO SIGLATO ACCORDO

“Un passo importante per l’intera Sanità abruzzese che dà risposte concrete ai lavoratori vittime di infortuni, con riflessi positivi sulla competitività del tessuto produttivo e sul rilancio dell’occupazione nel settore