Olisistem, Pezzopane: inaccettabile silenzio del Mise

Olisistem, Pezzopane: inaccettabile silenzio del Mise

“La situazione della Olisistem Start, l’azienda con un call center con sede anche a L’Aquila, dove sono impiegati circa 150 lavoratori, si sta aggravando. Persa l’ipotesi della nuova commessa Acea, anche a causa di una domanda presentata solo all’ultimo momento, per i dipendenti c’è il rischio concreto di esposizione alla clausola sociale. Ciò che più grida vendetta è però la superficialità e l’incompetenza con cui il governo sta trascurando l’emergenza. Un silenzio inaccettabile. Alla mia interrogazione parlamentare il Mise si è limitato a dire che stava monitorando. Quando andrà a scadenza anche la commessa di Poste Italiane tutti i nodi verranno al pettine. Per questo condivido e sosterrò con tutte le mie forze il punto di vista dei sindacati che chiedono a Poste che il bando tenga conto dei lavoratori aquilani sia in termini economici, che di sede di lavoro. Una clausola sociale applicata senza il principio della territorialità rappresenterebbe un licenziamento di fatto. Si tratterebbe di un finale totalmente inaccettabile che non permetteremo”.

Così Stefania Pezzopane, della presidenza del Gruppo Pd alla Camera.

Previous Insediata la Commissione congressuale regionale
Next Regione, Blasioli: errore mancato rifinanziamento consultori pubblici e privati

You might also like

Tutte le NEWS

Tasse, Pezzopane: Emendamento annunciato ma ancora non approvato

  “Oggi si celebra un anno di governo Lega/M5S e sulle tasse sospese alle aziende , nessuna soluzione, dobbiamo accontentarci  di un emendamento soltanto annunciato. Aquilani usati come scudi umani per

Tutte le NEWS

Terremoto: Pezzopane “Sei mesi per nomina Crimi, ora rispettino impegni”

“Con grande enfasi il vicepresidente del Consiglio Di Maio, ieri presente in Abruzzo, annuncia una cosa che dovevano fare già sei mesi fa, ovvero di aver assegnato al sottosegretario Vito

Tutte le NEWS

Alla Festa de L’Unità di Pratola Peligna

#ikmdelPD Salvatore, 92 anni, prima tessera del PCI nel 1945: “Renzi? Una cannonata. Le riforme? Ce la fa ce la fa.” Oggi sono andato alla Festa dell’Unità di Pratola Peligna