Nuova Pescara, Marco Rapino: “L’Aquila è e rimane capoluogo. Adesso ognuno si assumerà le proprie responsabilità”

Nuova Pescara, Marco Rapino: “L’Aquila è e rimane capoluogo. Adesso ognuno si assumerà le proprie responsabilità”

“Mercoledì mattina, durante la conferenza stampa che si è tenuta a palazzo Silone con i massimi vertici del Pd, ho sostenuto che il Partito Democratico abruzzese non ha mai pensato di portare il capoluogo a Pescara, non ha mai pensato di discuterne, non ha mai pensato di sostenere alcuna proposta su questo tema. Per questa ragione e per il valore e l’importanza che, all’interno di un partito come il nostro, rivestono l’elemento del confronto e della condivisione, rimango basito dall’atteggiamento e dalla scelta di due dei nostri consigliere del Comune di Pescara di sostenere e votare l’ordine del giorno presentato da Forza Italia in merito, proprio, alla proposta di spostare il capoluogo di Regione in quella che sarà la “Nuova Pescara”. Noi siamo il Partito Democratico e, pertanto, chi ha deciso e scelto di intraprendere, con il proprio voto e in una sede istituzionale, una strada differente da quella più volte ribadita in questi giorni dovrà assumersi le proprie responsabilità”.

Con queste parole il Segretario regionale Pd Marco Rapino interviene sulla votazione avvenuta ieri in consiglio comunale di Pescara dell’odg per Pescara capoluogo.

Il centrodestra ha assunto l’iniziativa forte di presentarlo e votarlo compattamente, ma è ancora più sbagliato il gesto di chi ha prestato il fianco per battere la maggioranza che governa Pescara. Il tutto, senza aver mai cercato all’interno del partito un confronto sul tema. Quell’ordine del giorno, tra l’altro, non vale nulla sul piano concreto. Qui non si tratta di mancanza di rispetto delle opinioni altrui, ma di una questione di metodo e modi e quelli utilizzati nei giorni scorsi e ieri, da alcuni nostri esponenti, vanno fuori dai binari ben tracciati dal nostro essere un partito serio, un partito in cui si propone e si discute nelle sedi ritenute opportune, se c’è necessità e bisogno di farlo, un partito che si assume le responsabilità di ciò che viene democraticamente sottoposto al giudizio, indiscutibile, della sua comunità. Non siamo Forza Italia e non siamo Lorenzo Sospiri. Noi non abbiamo appoggiato l’attuale Sindaco Biondi per poi lasciarlo solo a dover spiegare ai suoi concittadini le ragioni per cui i suoi alleati abbiano messo in piedi una simile azione contro la sua città. Noi non creiamo scompiglio, a danno del futuro di città come Pescara, Spoltore e Montesilvano, affinché non venga realizzato il progetto della Nuova Pescara. Un progetto che, ricordo, ci hanno chiesto i cittadini a gran voce durante un referendum largamente partecipato. Noi non adottiamo simili strategie per il timore di non essere rieletti in un panorama completamente differente. Credo che ieri si sia buttata un’occasione importante per dimostrare la maturità politica che dovrebbe contraddistinguerci”.  

Previous Il PD incontra il territorio, venerdì iniziativa al Museo Etnografico Bomba
Next Rapino, Zappalorto e Febo: La salute dei cittadini non sia argomento di gioco per future candidature

You might also like

News dal PD Abruzzo

Parità di genere, Rapino: La politica abruzzese ha affermato con determinazione fondamentale principio civiltà

” La politica abruzzese oggi ha affermato con determinazione un fondamentale principio di civiltà: la parità di accesso tra donne e uomini alle cariche elettive regionali – dichiara il Segretario

Archivio

Lavoro, Pezzopane: “Cig per dipendenti Edimo dell’Aquila”

“Numerosi lavoratori della Edimo spa dell’Aquila mi hanno interpellata in relazione alla erogazione della cassa integrazione. Sto seguendo da tempo la vicenda e continuerò a seguirla fino a quando non

News dal PD Abruzzo

Riforma Terzo Settore, Riccardo: ‘Rappresenta il primo ammortizzatore sociale dell’Abruzzo’

“A due anni dalla presentazione delle linee guida promosse dal Premier Matteo Renzi, il disegno di legge Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell’impresa sociale e per