Iran: da Pezzopane mozione, ottenere stop pena di morte e rispetto diritti umani

Iran: da Pezzopane mozione, ottenere stop pena di morte e rispetto diritti umani

“Proprio il mutato clima di relazioni con l’Iran e l’accordo sul nucleare possono consentire all’Italia di fare pressione per ottenere una moratoria delle esecuzioni capitali e il rispetto dei diritti umani nel paese. A questo scopo ho presentato una mozione, sottoscritta anche dai colleghi dem Corsini, Manconi, Cardinali, Fabbri, Ferrara, Idem, Lo Giudice, Orrù, Puppato e Orellana e Panizza (Autonomie), depositata già a dicembre ma oggi ancora più attuale”. Lo dice la senatrice  Stefania Pezzopane. 
“La mozione – spiega Pezzopane – parte dalla considerazione di come, negli ultimi tre decenni, la violazione dei diritti umani sia stata sistematica in Iran, tanto da contare 2000 impiccagioni, numero per il quale il paese mediorientale detiene il record delle esecuzioni capitali in rapporto alla popolazione, anche di minori. Amnesty international ha registrato che nel 2015 c’è stata un’ulteriore impennata delle impiccagioni, con il rischio di arrivare a più di 1000 entro la fine dell’anno. Non solo, due membri del ‘comitato della morte’ che nel 1988, in seguito ad una fatwa di Khomeini, decise il massacro di 30.000 prigionieri politici, di cui la maggior parte appartenevano ai Mojahedin del popolo iraniano (PMOI) non disposti a rinnegare le proprie idee politiche, oggi sono Ministro della giustizia e procuratore generale della Repubblica islamica. Il 5 agosto 2015 l’Alto commissariato dell’Onu per i diritti umani ha espresso le sue preoccupazioni sulla situazione in Iran. Per tutto questo chiediamo un impegno del governo a condizionare i negoziati ed i rapporti commerciali con l’Iran al fine di ottenere una moratoria delle impiccagioni e il pieno rispetto dei diritti umani; ad operare nelle sedi internazionali, tra cui le Nazioni Unite, affinché la comunità internazionale faccia le opportune pressioni sull’Iran, perché fermi le esecuzioni capitali; a condannare pubblicamente l’attacco missilistico contro il camp Liberty del 29 ottobre 2015, che ha causato la morte di 23 residenti inermi e decine di feriti”.

Previous La senatrice Stefania Pezzopane esprime il suo dolore per la perdita di Franco Villani
Next Chiara Zappalorto, segretario provinciale PD Chieti, risponde a Sel su referendum anti-trivelle

You might also like

Top News

Convenzioni di circolo, Di Pasquale: In Provincia di Teramo mozione Renzi al 67%

“Anche in provincia di Teramo la mozione Renzi ha vinto il Congresso con il 67% dei voti. Nella città di Teramo degli 11 delegati, 7 sono andati a Matteo Renzi

Top News

SCUOLA: SCLOCCO PRESENTA A PRESIDI AZIONI CONTRO DISPERSIONE

 Una scuola nuova e aperta per combattere con decisione il fenomeno della dispersione scolastica. Il nuovo progetto europeo guarda ai ragazzi ma soprattutto pone sul campo soluzioni ad uno dei

Top News