Intecs, Pezzopane: istituzioni non sono bancomat, licenziamenti inaccettabili 

Intecs, Pezzopane: istituzioni non sono bancomat, licenziamenti inaccettabili 

La senatrice dem ha presentato un’interrogazione parlamentare 

“Dalle notizie pubblicate oggi su un quotidiano online dell’Abruzzo, la Intecs Solution spa avrebbe licenziato i dipendenti dell’Aquila per poi verificare la situazione di una parte di essi, qualora ci fosse una sorta di attenzione sulle proposte di finanziamento presentate alla Regione. Brutta cosa: dalle dichiarazioni del manager di Intecs, riportate dai media, sembrerebbe in atto una sorta di pressione e di ricatto nei confronti delle istituzioni regionali. La Regione Abruzzo deve infatti valutare a breve 3 progetti di ricerca presentati da associazioni temporanee di impresa in cui figura anche l’azienda: se passano, bene, altrimenti si proseguirà con la chiusura. E’ questo il senso delle parole pronunciate dall’amministratore delegato e direttore generale di Intecs Marco Casucci, in un audio in possesso dei media? Si tratta di dichiarazioni allucinanti, perché la preoccupazione per i lavoratori è tanta e le istituzioni non sono un bancomat. I ricercatori usati come scudo umano per ottenere risorse pubbliche? Su questa vicenda ho presentato un’interrogazione parlamentare”. Lo dice la senatrice Stefania Pezzopane.
“La Intecs – ricostruisce Pezzopane – ha comunicato all’assessore regionale Giovanni Lolli la volontà di dismettere il laboratorio dell’Aquila e, senza neppure avvisare le RSU, ha avviato la chiusura del sito. Anche secondo la Cgil, il management della società non ha utilizzato le effettive potenzialità del laboratorio di ricerca, sfruttando solo il mercato e gli ammortizzatori sociali, senza innovazione di sorta, fino al momento attuale. Considerando che l’azienda partecipa al tavolo di confronto e di programmazione della Regione Abruzzo sui percorsi d’innovazione tecnologica e che in associazione temporanea d’impresa con altre aziende ha presentato progetti con richieste di finanziamento che attengono ai bandi per l’assegnazione dei fondi Por Fesr 2014-2020, le dichiarazioni dell’ad rese note dai media meritano un chiarimento istituzionale urgente. Al governo chiedo un intervento perché convochino l’azienda per capire le intenzioni e le ragioni della chiusura del sito aquilano e per capire come stanno operando i vertici di quest’azienda, visto che in gioco c’è il destino di oltre 60 ricercatori e di altri lavoratori e delle loro famiglie e anche di un pezzo di industria innovativa della regione e del Paese”. 

Previous FONDOVALLE SANGRO: D'ALFONSO, PATTO MORALE CON L'IMPRESA AGGIUDICATARIA
Next Destinazione Italia il treno dell’ascolto del PD

You might also like

Top News

8 marzo, Pezzopane:”Valorizzare competenze femminili sparse sul territorio”

“Nel giorno della festa della donna è molto importante valorizzare le competenze femminili in un mondo, quello di oggi, troppo improntato all’affermazione degli uomini. Sul territorio italiano ci sono migliaia

Top News

Giustizia, Pezzopane: “Legnini ha ragione su carenze organico, in Abruzzo e’ emergenza”

“Il ministro Orlando intervenga” “Condivido pienamente il grido d’allarme lanciato da vicepresidente del Csm, Giovanni Legnini sulla carenza d’organico nei tribunali. Quello della carenza del personale è un problema sollevato

Top News

Scuola, Pezzopane: “Per Gssi dell’Aquila grande risultato”

“Stabilizzazione impegno assunto e subito mantenuto dal Premier e dalla ministro Giannini”. “Il decreto che il Senato sta per approvare rafforza il progetto della Buona scuola e definisce meglio un’idea