I sindaci di Casoli, Chieti, Lanciano, Ortona e Vasto eletti nel Comitato ristretto della Asl

I sindaci di Casoli, Chieti, Lanciano, Ortona e Vasto eletti nel Comitato ristretto della Asl

Il segretario provinciale del Pd di Chieti, Chiara Zappalorto e la responsabile sanità del Pd Abruzzo, Gianna Di Crescenzo plaudono alle nomine dei rappresentanti nel comitato ristretto dei sindaci della Asl di Lanciano – Vasto – Chieti.

«Nell’assemblea di ieri – dicono Zappalorto e Di Crescenzo– sono stati eletti 4 sindaci del Pd: Massimo Tiberini di Casoli, Francesco Menna di Vasto, Mario Pupillo di Lanciano e Vincenzo D’Ottavio di Ortona. Saranno loro gli ambasciatori delle esigenze del territorio e rappresenteranno l’anello di congiunzione tra Regione Abruzzo, Asl e cittadini. Grazie a loro e al loro impegno il servizio reso ai pazienti cresceranno nella qualità, soprattutto alla luce dell’uscita dal Commissariamento ottenuta dal Governo regionale di centrosinistra e del costante lavoro sul settore dell’assessore Silvio Paolucci»

Previous Francavilla al Mare: Monica Di Battista eletta coordinatrice cittadina del circolo PD
Next SPORT. PAOLUCCI: "PER ABRUZZO IL 2017 ANNO DEL CICLISMO"

You might also like

News dal PD Abruzzo

Aumento pedaggi, Pezzopane: “Presenter0′ interrogazione. Necessari sconti, vanno riviste le convenzioni con le concessionarie”

“Presenterò un’ interrogazione parlamentare, per chiedere conto degli aumenti autostradali che si sono registrati a inizio anno sulle tratte A24 e A25.  Puntuali, ad ogni inizio anno, sono scattati gli

News dal PD Abruzzo

Di Sabatino: le parole di Gatti confermano una coalizione ormai ridotta a meno di un cartello elettorale

“Candidati inadeguati, trovati al mercato del sabato. Sono queste le parole con cui Paolo Gatti, uno dei massimi rappresentanti abruzzesi di Forza Italia, ha bollato la terna di nomi che

News dal PD Abruzzo

Rapino su bocciatura emendamenti su piccoli ospedali

“Il Movimento 5 stelle cerca di coprire il proprio imbroglio. Per quattro anni i suoi rappresentanti hanno denigrato e offeso, hanno continuamente urlato allo scandalo e hanno fatto credere di