Honeywell: Pezzopane, Governo continui sforzi per difesa occupazione

Honeywell: Pezzopane, Governo continui sforzi per difesa occupazione

‘L’annunciata chiusura dello stabilimento Honeywell di Atessa è un altro duro colpo all’occupazione abruzzese. L’interruzione drammatica della vertenza che lascia a casa 420 lavoratori rappresenta un danno insopportabile per un territorio già fortemente colpito dalla crisi economica. Chiediamo al Governo e al ministro Calenda di insistere con gli sforzi già avviati per portare la multinazionale Honeywell a riconsiderare una decisione così amara per l’economia del territorio che rischia di avere delle gravi ripercussioni sui redditi e sui consumi, nonostante il lavoro prezioso fatto dal vicepresidente della Regione Lolli, a cui chiediamo di continuare la battaglia per difendere i diritti dei lavoratori. Ai lavoratori della Honeywell va tutta la nostra solidarietà e la conferma del nostro impegno concreto per riaprire una vertenza che salvaguardi la presenza occupazionale in Abruzzo”. Lo afferma la senatrice Stefania Pezzopane, che annuncia su questo un’interrogazione al ministro Calenda.

Previous Sanità, Zappalorto e Febo: Chieti unita a sostegno del Dea di secondo livello
Next Nuova Pescara, Rapino: “Non ha nulla a che vedere con il capoluogo di Regione"

You might also like

Archivio

Rapino e Ciafardini: “Sulla questione Bussi il lavoro dell’Onorevole Castricone è stato prezioso”

“Il lavoro svolto dall’onorevole Castricone per la bonifica del sito di Bussi e il suo impegno nel sollecitare il superamento della fase commissariale, sono iniziative preziose per quanti credono davvero

Archivio

Sisma L’Aquila. Pezzopane: “Grave che Bertolaso si avvalga di prescrizione”

  “Al contrario di quanto aveva annunciato in occasione della sua candidatura per il centrodestra a sindaco di Roma, Guido Bertolaso si avvarrà della prescrizione nel processo satellite alla Commissione

Top News

Energia, Pezzopane: No a gasdotto rete adriatica nelle zone sismiche

“Domani dovrebbe tenersi una riunione sul gasdotto Rete Adriatica, convocata dalla Presidenza del Consiglio con le regioni, le province e i sindaci dei territori di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria