Energia, Pezzopane: No a gasdotto rete adriatica nelle zone sismiche

Energia, Pezzopane: No a gasdotto rete adriatica nelle zone sismiche

“Domani dovrebbe tenersi una riunione sul gasdotto Rete Adriatica, convocata dalla Presidenza del Consiglio con le regioni, le province e i sindaci dei territori di Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria interessati. E’ un incontro di cui chiediamo il rinvio, come ha già fatto il presidente della Regione Abruzzo, perché cade proprio in concomitanza di un’altra riunione fondamentale sulla ricostruzione nel Centro Italia, con la sottosegretaria De Micheli. Proprio in quest’occasione, ho presentato un’interrogazione per chiedere al governo, nuovamente, che venga riconsiderato il tracciato di questo gasdotto della Snam, per evitare che ricada in gran parte in zone sismiche”. Lo dice la senatrice dem Stefania Pezzopane, responsabile Ricostruzione dell’esecutivo Pd.
“La vicenda del gasdotto della Snam Rete Adriatica è antica – prosegue Pezzopane – il tracciato originario non ricadeva nella fascia appenninica, che nel frattempo è stata colpita dagli eventi sismici di agosto 2016 e gennaio 2017. Torno quindi a chiedere che venga rivisto il progetto dell’infrastruttura, perché non ha senso fare proclami sulla prevenzione, quando poi si autorizza la realizzazione di un’opera così potenzialmente pericolosa in zona sismica. L’alternativa esiste, è il progetto originario, su Appennino e aree ad alto rischio sismico ci vuole una svolta nel modello di sviluppo”

Previous PRESENTATO IL PROGETTO “PERÒ”; LOLLI: SI VA VERSO UN TURISMO ESPERENZIALE
Next SANITÀ: VIA LIBERA IN GIUNTA A COSTITUZIONE COMMISSIONE PER L'EMODINAMICA ALL'OSPEDALE DI VASTO

You might also like

Top News

Milleproroghe, Pezzopane: Importanti novità per lavoro e terremoto

“Il decreto Milleproroghe che stiamo per convertire in legge contiene importanti novità. In Commissione sono stati approvati emendamenti fondamentali, sia per quanto riguarda i lavoratori che per i terremoti.” Lo

Top News

LAVORO. PEZZOPANE PRESENTA “LEGGE QUADRO” SU CALL CENTER, PIU’ QUALITA’ E PIU’ DIRITTI

  Intervenire nel settore dei call-center con una sorta di “legge quadro” per contrastare i continui ribassi di prezzo, lo sfruttamento del personale, la precarietà dei lavoratori. E’ l’obiettivo della