Emiciclo: approvata risoluzione su Radio Radicale

Emiciclo: approvata risoluzione su Radio Radicale

La Quinta Commissione “Salute, Sicurezza sociale, Cultura, Formazione e Lavoro” del Consiglio regionale dell’Abruzzo ha approvato nel pomeriggio la risoluzione dei gruppi consiliari di centrosinistra con la quale si chiedeva di evitare la chiusura di Radio Radicale. Il testo presentato come primo firmatario da Giovanni Legnini impegna il Presidente della Giunta regionale e gli organi regionali affinchè si facciano parte attiva nei confronti del Governo nazionale e del Ministero dello Sviluppo Economico per intraprendere tutte le iniziative per garantire il rinnovo della convenzione e il ripristino del finanziamento necessario a scongiurare la chiusura di Radio Radicale. Nel voto in commissione in 14 hanno votato favorevolmente mentre 5 sono stati i contrari. Assenti i consiglieri della Lega Salvini Abruzzo mentre hanno votato contro il documento il Movimento Cinque Stelle. 

Previous Sanità, Paolucci: Solo promesse su Punto nascita Sulmona
Next La Direzione regionale fissa per il 21 luglio la data del Congresso per l'elezione del nuovo segretario

You might also like

News dal PD Abruzzo

Guardie mediche, Zappalorto e Di Crescenzo: “Incredibile che a parlare sia Febbo che ha voluto e decretato le chiusure”

“Le affermazioni di Mauro Febbo sulla non abilità dei consiglieri di maggioranza della provincia di Chieti, secondo il quale non siano stati abbastanza abili a salvaguardare il nostro territorio dal

News dal PD Abruzzo

Il Coordinamento Provinciale del PD di Teramo approva la lista con i 7 candidati al Consiglio Regionale

Si è tenuto domenica 6 gennaio a Teramo il Coordinamento Provinciale del Partito Democratico che ha approvato la Lista dei candidati al Consiglio Regionale del Pd che appoggerà il Candidato

News dal PD Abruzzo

Rapino: “L’Abruzzo torna a crescere, dal Governo un sostegno importante”

“I dati positivi, registrati dalla Banca d’Italia e dal Cresa, ci dicono che sale la produzione industriale, crescono investimenti e fatturati delle imprese, le famiglie tornano a risparmiare e consumare.