Elezioni regionali, Di Sabatino: vera intenzione M5s posticipare il più possibile data del voto

Elezioni regionali, Di Sabatino: vera intenzione M5s posticipare il più possibile data del voto

“Ci hanno provato, ma alla fine hanno dovuto, come ormai ci hanno abituato, fare marcia indietro”. Con queste parole Renzo Di Sabatino segretario regionale Pd Abruzzo interviene sull’emendamento alla legge di stabilità, prima presentato e poi ritirato, con il quale il M5S voleva accorpare elezioni regionali e europee.

“Ci hanno sfinito urlando contro il prolungamento della legislatura, nonostante il presidente Lolli e la Presidente della Corte d’Appello dell’Aquila Fabrizia Francabandera avessero scelto la prima data utile. Oggi, invece, scopriamo la loro vera intenzione, che era di posticipare il più possibile la data del voto delle regionali, in modo tale da avere più tempo per raccontare ulteriori menzogne agli abruzzesi. La verità è che hanno paura del confronto politico e del confronto sui veri temi dell’Abruzzo. Sono loro la vecchia politica, predicano bene e razzolano male”.

Previous Manovra: Pezzopane, sicurezza e pedaggi A24/A25, chi ha paura dei sindaci?
Next Autostrade, Pezzopane: lassismo Toninelli su Strada dei Parchi lo pagano cittadini

You might also like

Top News

Pluralismo dell’informazione, la proposta del centrosinistra regionale

Depositata in Consiglio regionale la proposta di legge a sostegno del sistema informativo regionale. Si tratta di una misura che prevede risorse e tutele per testate abruzzesi e lavoratori del

Archivio

La denuncia di Paolucci: “La Giunta paralizza l’Abruzzo sulle nomine”

“Abruzzo sempre più nel caos, la Giunta lenta si spacca sull’indicazione di un manager della sanità, Zavattaro, che non aveva alcuna intenzione di essere indicato e che non trova le

News dal PD Abruzzo

Sanità, Paolucci: Solo promesse su Punto nascita Sulmona

“Passata la festa, gabbato lo Santo” è forse il proverbio che di più si addice alla vicenda legata al Punto nascita di Sulmona. L’autoproclamato Governo del “cambiamento” a trazione grillo-leghista