Elezioni Europee: iniziativa al circolo PD “Di Vittorio” di Pescara

Elezioni Europee: iniziativa al circolo PD “Di Vittorio” di Pescara

Venerdì 17 maggio alle ore 17:30 nella sede del circolo PD “Di Vittorio” Pescara Portanuova in via Vespucci 35 ci sarà una iniziativa su “Europa in divenire. Più equa, più inclusiva, più solidale” con la presenza dei candidati alle elezioni europee per la circoscrizione Sud Geri Ballo e Leila Kechoud e del sindaco di Pescara Marco Alessandrini.

“L’Europa è il nostro orizzonte e il nostro obiettivo come Partito Democratico è quello di lavorare per renderla più equa, più inclusiva e più solidale” dichiara Antonio Caroselli, segretario del circolo. “Abbiamo scelto di parlarne con Geri Ballo, candidata italo-albanese impegnata da sempre nella costruzione di reti tra le comunità Arbeshe e nel processo di integrazione e tutela delle minoranze linguistiche, oltre che nella battaglia per la cittadinanza delle seconde generazioni. Insieme a lei e a Leila Kechoud, candidata pescarese alle europee, vogliamo ribadire la centralità di questi temi nel nostro progetto per una nuova Europa”.

Previous Manifestazione rincari autostradali, Paolucci: rammarico per assenze rappresentanti Governo nazionale e regionale
Next Pescara, lunedì sera il segretario dem Nicola Zingaretti al Flaiano per incontrare gli abruzzesi

You might also like

Archivio

Autostrade, Pezzopane: a Roma al Ministero Trasporti per tariffe e sicurezza.

Con i sindaci e l’assessore Lorenzo Berardinetti in sit-in e ‘Toninulla’ fugge. “Nella vertenza Autostrade dei Parchi il ministro Toninelli ha scelto la via della fuga dal confronto. Prima lancia

Tutte le NEWS

Momento Democratico. A #Gissi si parla di sanità.

Se non si migliora il presente non si riesce ad immaginare il futuro e la sanità è uno di quei tasselli su cui si gioca il presente e si scommette

Tutte le NEWS

Provincia di Pescara, Di Marco: con la mia presidenza arrivati fondi e progetti. Da esponenti cndx inesattezze e falsità

“Nelle scorse ore mi sono chiesto se il caldo afoso di questi giorni abbia potuto incidere sulle menti dei vertici della politica regionale e provinciale…credo proprio di sì, perché stiamo