Dino Pepe, candidato Camera dei Deputati  nel Collegio proporzionale L’aquila-Teramo

Dino Pepe, candidato Camera dei Deputati nel Collegio proporzionale L’aquila-Teramo

Dino Pepe, candidato alla Camera dei Deputati nel Collegio proporzionale L’aquila-Teramo
#votalasquadra #sceglipd

AL SERVIZIO DELLA MIA TERRA

Sono nato il 5 settembre 1969, da una onesta e laboriosa famiglia di agricoltori di Torano Nuovo, dove vivo da sempre. Sono laureato in Economia e Commercio e dipendente di un istituto bancario. Sono sposato con Gabriella e padre di Federica e Marta.

Nel 2003 ho deciso di impegnarmi in politica. Alle elezioni del 2004, la cittadinanza di Torano Nuovo mi ha eletto Sindaco con l’80 % dei consensi. Nel 2009, il consenso si fece ancora più ampio, raggiungendo l’82% per il secondo mandato da primo cittadino.

Alle elezioni regionali 2014, sono stato eletto consigliere nelle file del Partito Democratico ricevendo 7682 preferenze e successivamente sono stato nominato Componente della Giunta. Da allora il mio impegno da Assessore si è concentrato sulle deleghe che mi sono state affidate: Politiche Agricole e di Sviluppo Rurale, Caccia e Pesca, Economia del Mare, Demanio Marittimo, Cicloturismo, Contratti di Fiume.

Sono stati 43 mesi intensi, caratterizzati da un impegno quotidiano al fianco, in particolare, degli agricoltori e degli allevatori con cui ho instaurato un legame ancora più intenso e significativo a seguito degli eventi calamitosi che hanno investito l’Abruzzo nel gennaio 2017.

Oggi, anche grazie alla costante collaborazione con il Ministro Maurizio Martina, è stata avviata la fase del rilancio puntando sui giovani, sull’innovazione e su nuove risorse da destinare ai territori colpiti dalle calamità.

Da questa esperienza ho capito l’importanza di portare le esigenze locali all’attenzione del Governo centrale attraverso rappresentanti istituzionali legittimati dalla presenza costante sul territorio.

In questa logica è stata richiesta la mia disponibilità e quella di altri consiglieri regionali, alla candidatura alla Camera dei Deputati.
Me lo hanno chiesto i cittadini, i tanti amici militanti sul territorio, il Partito Democratico e le tante persone che incontro tutti i giorni. Una dimostrazione di stima e affetto che mi sorprende, mi commuove e mi ha fatto dire di sì.
Ho accettato perché non abbiamo bisogno di ambizioni comode e di egoismo.
Ho accettato senza calcoli o aspirazioni personali e per provare a raccontare anche un’altra storia, fatta di risultati di questi mesi in Regione, di presenza quotidiana e costante, di umiltà e capacità di ascolto.
Ho accettato con la piena convinzione che il mio territorio ha bisogno di rappresentanti che vivono i problemi di questa terra e, per questo, lavoreremo per indicare le priorità della Provincia di Teramo partendo dal metodo del dialogo e della partecipazione, l’unico metodo che conosco.
Parleremo di efficacia, ma anche di
disponibilità, di orgoglio, ma anche di condivisione, di spiegazione, di confronto, di garbo, di misura.
Tutto il mio impegno per ciò che conta, la mia gente, con l’
umiltà di sempre. La stessa con cui ho vissuto gli anni in Comune da Sindaco prima, e questi 43 mesi intensi in Regione poi.
Al servizio della mia Terra.

Dino Pepe

Previous Camillo D'Alessandro, candidato alla Camera dei Deputati nel Collegio proporzionale Pescara - Chieti
Next Marco Rapino: basta demagogia, sulla questione immigrazione il Pd ha idee molto chiare

You might also like

News dal PD Abruzzo

#trenoPD Rapino: Una giornata dedicata all’ascolto che non sarà  fine a se stessa

Si è appena conclusa la tappa abruzzese del tour in treno di Matteo Renzi. Una giornata ricca di ascolto e partecipazione, che ha coinvolto diverse realtà dalla zona costiera all’area

News dal PD Abruzzo

Il Premier Matteo Renzi in Abruzzo

>La visita ai Laboratori nazionali del Gran Sasso dell’Istituto nazionale di Fisica nucleare. “In questi due anni abbiamo fatto tanto lavoro sulle riforme ma queste cose riguardano il passato, non

News dal PD Abruzzo

Gioco d’azzardo, Amato “Segnali positivi dalla legge di stabilità per il contrasto”

“Dalla legge di stabilità arrivano segnali positivi per il contrasto al gioco d’azzardo. Con un emendamento del Governo è stato infatti riformulata la parte che riguarda le disposizioni in materia