Cultura, Pezzopane: Festa dei serpari di Cocullo sia patrimonio Unesco

Cultura, Pezzopane: Festa dei serpari di Cocullo sia patrimonio Unesco

“Anche quest’anno ho partecipato a Cocullo, in Provincia dell’Aquila, alla tradizionale Festa di San Domenico con il rito dei Serpari, una celebrazione popolare durante la quale le serpi vengono poste sulla statua di San Domenico,considerato il protettore dai morsi dei rettili, dal mal di denti e dalla rabbia.
I serpari sono appunto coloro che, da circa un mese prima, catturano e allevano le serpi, per poi liberarle di nuovo dopo i festeggiamenti. Si tratta di una festa antichissima e folcloristica, che alcuni fanno risalire addirittura ad un culto del popolo dei Marsi. Il primo maggio era presente a Cocullo una delegazione dell’Unesco, c’è stato un incontro importante al termine della cerimonia finalizzato all’importante riconoscimento. Infatti da tempo si lavora per questo importante traguardo. Siamo al lavoro perché questa festa diventi patrimonio riconosciuto dell’umanità. Lancio un appello in questo senso, affinché tutte le istituzioni coinvolte sostengano questa candidatura. E lavorerò, così come mi sono impegnata con il Sindaco di Cocullo e con tutti gli amministratori locali, per raggiungere questo obiettivo e perché questo straordinario rito tra il sacro ed il profano possa varcare sempre di più i confini nazionali.”Lo dice la senatrice  Stefania Pezzopane.
Previous Un grazie fatto di umiltà e responsabilità. eNews di Matteo renzi
Next TURISMO: LOLLI, C'È L'ABRUZZO NEL VIAGGIO ITALIANO DEI BORGHI

You might also like

Top News

Terremoto, Pezzopane: “Sisma e neve, in Abruzzo emergenza nazionale”

  “Sgomberare strade e assistere la popolazione” “Il Premier Gentiloni ha chiesto di intensificare la presenza dell’esercito nelle aree colpite dalle forti scosse di terremoto, questa mattina. Oltre agli ulteriori

Top News

“Tra sanità, spirito d’unione e rappresentanza”. Di Chiara Zappalorto

“Quando si è capogruppo di un gruppo bisognerebbe tenere sempre a mente il significato di “spirito d’unità” e “di rappresentanza”. Forse qualcuno, nel tempo, tende a dimenticare questi due concetti