Centrale Snam, Rapino: no fermo e convinto del PD Abruzzo

Centrale Snam, Rapino: no fermo e convinto del PD Abruzzo

“Il Partito Democratico d’Abruzzo è sempre stato contrario alla realizzazione della centrale SNAM di Sulmona. Da sempre, attraverso tutti i suoi rappresentanti istituzionali, regionali e nazionali, ha manifestato la sua contrarietà a questo progetto. Anche ieri il Vice Presidente della Regione Giovanni Lolli, presente alla riunione del Consiglio dei Ministri, ha manifestato il dissenso di tutti quanti. Quanto deciso ieri è in aperto contrasto e contraddizione rispetto alla volontà della Regione Abruzzo, del Partito Democratico in Abruzzo e di tutti i cittadini interessati. Come partito condividiamo la scelta del Presidente D’Alfonso di costituirci al Tar e di dare seguito ad un NO convinto e fermo. Ho ragione di credere che la centrale non si farà. Noi useremo tutti gli strumenti per bloccarla e per ostruire qualsiasi pezzo di procedura”, lo afferma Marco Rapino, segretario regionale PD Abruzzo.

Previous SANITÀ: NEL 2018 PARTE LO SCREENING SUI DISTURBI DELLO SPETTRO AUTISTICO NEI NEONATI
Next SANITÀ: APPROVATO IL PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE PER LA FRATTURA DEL FEMORE

You might also like

News dal PD Abruzzo

Marco Rapino su incontro consiglieri regionali M5s e Ministro Sanità

“Dopo mesi di nulla, durante i quali abbiamo visto i consiglieri regionali del M5S tramutare il principio di “sana opposizione” in urla e strali, facendo credere di avere tutte le

Top News

Palumbo a Martino: L’Aquila non ha bisogno di imbonitori

“Antonio Martino, pescarese catapultato da Forza Italia nel collegio aquilano per le elezioni alla Camera, non sa, poverino, che le promesse ad effetto sui “primi 100 giorni” evocano alla mente

News dal PD Abruzzo

Guardiagrele, Zappalorto e Di Crescenzo: Nuovo tassello sanità

“Da oggi presso il presidio sanitario di Guardiagrele diventa operativo un altro tassello dell’offerta sanitaria: iniziano infatti i ricoveri nell’ospedale di comunità, attivato nei giorni scorsi da Asl e Regione