Zappalorto: Impegni extra della Regione per Chieti

Zappalorto: Impegni extra della Regione per Chieti

«Un Governo amico del territorio prima ancora che del colore politico. La Regione Abruzzo ha mostrato concretamente la sua attenzione nei confronti di Chieti con due provvedimenti importanti, per il Teatro Marrucino e per la mobilità tra la parte alta e la parte bassa della Città, con un’aggiunta di rilievo nel Masterplan». Esordisce così Chiara Zappalorto, segretario provinciale del Pd all’ufficialità delle azioni della Regione Abruzzo in favore di Chieti e del suo sviluppo futuro.
«Il primo intervento – aggiunge – riguarda lo stanziamento di 200 mila euro per celebrare i 200 anni del Teatro Marrucino. Uno dei luoghi identitari della Città, che esprime con forza e grande qualità la vocazione culturale di Chieti, ottiene così il giusto sostegno per proseguire le sue azioni di attrattore di eccellenza e di infrastruttura di qualità».
Su questo tema si innesta l’altro grande intervento, volto a cucire in maniera sempre più stretta le due parti di Chieti con una funicolare che colleghi il campus dell’Università d’Annunzio al centro storico.
«La Regione Abruzzo ha destinato ulteriori tre milioni al progetto che si aggiungono ai 10 già stanziati, mostrando di voler far ampiamente la propria parte e consolidare il ruolo di perno culturale di Chieti. Questo intervento dimostra che dopo 30 anni di attese, di promesse, di annunci si è passati agli stanziamenti, ai provvedimenti, ai fatti», spiega ancora Zappalorto.
«Vogliamo voltare pagina dopo i lunghi anni nei quali il centrodestra ha depauperato Chieti, svilendone i ruoli e le aspirazioni. Oggi finalmente ci sono le basi per costruire una identità forte e soprattutto per far sì che il binomio tra Chieti e cultura si trasformi da slogan a fattore economico», conclude Zappalorto
Previous DL sud, Pezzopane: Nel decreto norme importanti su terremoto
Next Autostrade, Pezzopane: Da scongiurare rincaro su A24 e A25 

You might also like

Top News

MALTEMPO: ENTRO 90 GIORNI I COMUNI DOVRANNO SEGNALARE I DANNI DELL’ONDATA DELLO SCORSO GENNAIO

 Entro 90 giorni dalla pubblicazione dell’ordinanza della Protezione Civile Nazionale (prevista nei prossimi giorni) i Comuni dovranno comunicare formalmente alla Regione l’ammontare dei danni – al patrimonio pubblico e privato